PINO ANTONELLI

Un  

quadrilatero  

di  

circa  

trenta  

metri  

per  

lato  

e  

a  

cinque  

dal  

livello  

del  

suolo

costituito  

dai  

vicoli  

sui  

quali  

si  

affacciava  

a  

mo'  

di  

terrazzo,  

ad  

est  

e  

a  

sud.

Situato  

all'altezza  

del  

secondo  

piano  

delle  

case  

che  

lo  

circondavano  

ad

ovest  

e  

a  

nord,  

l'orto  

era  

racchiuso  

da  

due  

muri  

di  

grosse  

pietre  

sui  

quali

si  

leggevano  

le  

forme  

di  

un  

paio  

d'archi  

a  

sesto  

acuto  

tamponati,  

che

indicavano  

l'antica  

presenza  

di  

due  

porte.  

Quell'insolito  

rettangolo  

di  

terra

era  

probabilmente  

il  

risultato  

del  

crollo  

dei  

piani  

alti  

di  

un'abitazione,  

che

aveva   

generato   

uno   

spazio   

apparentemente   

utilizzato   

come   

orto.   

La

vegetazione  

era  

formata  

da  

erba  

cresciuta  

in  

maniera  

incontrollata,  

ma

senza   

cespugli   

né   

rovi;   

somigliava   

piuttosto   

ai   

capelli   

arruffati   

di   

un

bambino  

e  

circondava  

l'unico  

albero  

presente,  

un  

vecchissimo  

e  

ritorto

olivo  

che  

sopravviveva  

con  

poche  

foglie  

d'argento,  

nell'angolo  

costituito

dalle  

due  

case,  

toccandone  

le  

pareti  

con  

i  

rami.  

Il  

colore  

della  

vegetazione

era  

indefinibile,  

generato  

dall'alternanza  

di  

verdi  

scuri,  

a  

tratti  

nerastri,  

e

rossi   

cupi   

come   

sangue   

rappreso   

che   

contribuivano   

a   

creare   

una

sensazione di inquietudine.

OLD SITE OLD SITE